di Tosoroni Antonio

Trattato pratico di strumentazione

Teoria - 1850 -

Dettagli opera

Trattato Pratico di Strumentazione per le Orchestre, le Bande e le Fanfare (adottato per uso degli Istituti Musicali di Firenze e di Lucca). Ed. Giovanni Gualberto Guidi, Firenze, 1850.
L’anno seguente il testo, molto apprezzato, fu riedito come
Trattato pratico di strumentazione ossia Nozioni generali sul carattere e sulle proprietà degli strumenti musicali tanto antichi che di recente invenzione e perfezionamento i quali servono attualmente per le orchestre, le bande e le fanfare / raccolte e completate da Antonio Tosoroni e adottati per uso degli istituti musicali di Firenze e di Lucca. Ed. F.Lucca, Milano, 1851.
Risulta essere questo il primo testo italiano che riporta una dettagliata analisi di tutti gli strumenti atti alla strumentazione orchestrale e bandistica, e comprendente fra essi anche il saxofono. Il testo è ancor più prezioso alla luce del fatto che è pressocchè contemporaneo ai più blasonati trattati del francese Hector Berlioz (1803-1869) e a quello del tedesco Johann Simon Mayr (1763-1845).


Commento autore

 

 

 

 

 

 


Commento all'opera

«Questo strumento è di recentissima invenzione del fabbricante Adolfo Sax di Parigi. Esso è d'ottone a riserva del bocchino che è della forma di quello del Clarinetto, ma più grande assai. La sua voce partecipa di quella del Corno Bassetto e del Clarinetto basso; ma assai più robusta. La manovra è quasi simile a quella di questi strumenti, [...] Di questi strumenti ve ne sono diversi e di diversa forma, vale a dire, più grandi e più piccoli, secondo in che tono sono tagliati. Essi appartengono in sostanza alla famiglia dei Clarinetti, di cui non sono che una modificazione. I loro toni favorevoli sono DO, SIb, FA e MIb, ma ognuno di questi toni contiene varj Saxofoni, per cui, uno fa il SOPRANO, uno il CONTRALTO, uno il TENORE, e l'altro il BASSO, e formano così una famiglia di 14 Saxofoni capaci di eseguire della musica dal Soprano acutissimo fino ad un ottava più grave del Contrabbasso [...] La sua lettura è sempre in Chiave di Violino in tutti i toni, ma per quelli strumenti che per la loro costruzione sono gravi assai, si usa la Chiave di Basso».
Oltre alla moltiplicazione poco ortodossa, per cui giunge a calcolare 14 saxofoni, anche nella tavola delle estensioni con raffronto ai suoni reali, che segue, è da notare che il taglio degli strumenti è riportato in maniera confusa ed errata.
A proposito del Saxofono Contralto infine conclude scrivendo: «Quest’ultimo è quello che i Prof. di Musica e Negozianti di Strumenti Armonici ss.ri BRIZZI e NICCOLAI di FIRENZE fecero venire da Parigi, e si poté sentire con successo graditissimo all’Accademia Filarmonica ai primi di Gennajo del 1848, col mezzo del nostro bravissimo Prof. Di Clarinetto SIG. GIOVANNI BIMBONI».



Diventa sponsor
 
Diventa sponsor
 

Riparatore di zona

Nella tua zona non abbiamo trovato un ripratatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 3.230.1.126 - dal tuo indirizzo internet - Utilizza posizione esatta

Saxit - Associazione Culturale

Via G. Marconi 51/c - 73020 Cavallino
Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy