di Testa, Giuseppe

L'albero della libertì 

Sop Coro & Ens+ T - 2012 - 40'

Dettagli opera

Opera da camera in 8 quadri con immagini, su testi di Antonino Cicero, per voce di soprano, coro da camera, coro recitante, attori, ballerini, flauto, clarinetto, sax tenore, corno in fa, tromba, percussioni e pianoforte.
Prima esecuzione il 29 luglio 2012 presso l’atrio del Palazzo Vescovile di Cefalù.


Commento all'opera

«L’opera ha come obiettivo quello di celebrare la memoria, riprendendo lo schema classico della tragedia. Attraverso la musica, la danza, le immagini, il dialogo recitato e cantato da attori e coro, l’Albero della libertà tenta di veicolare un messaggio semplice, chiaro, potente nella sua concisa schiettezza: la memoria è identità. Identità di un popolo, in questo caso quello siciliano, che sconta il paradosso triste di dover raccontare quella memoria attraverso la mafia che ha ucciso i suoi bambini, le sue donne, i suoi uomini. Tutte vittime che non hanno chiesto d’immolarsi o d’essere eroi, ma solo di portare a termine la propria vita ed il proprio lavoro perché questa terra non fosse più soffocata dall’ingiustizia del sistema criminale.»


Diventa sponsor
Diventa sponsor
 

Riparatori della zona:

Nella tua zona non abbiamo trovato un riparatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 44.211.239.1 - dal tuo indirizzo internet

Per informazioni e contatti

Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy

 
Nella presente Enciclopedia, realizzata non a scopo di lucro, l'impianto iconografico é stato arricchito con alcune immagini per le quali l'autore non è riuscito a risalire agli eventuali aventi diritto. Pertanto, ove la pubblicazione a scopo culturale di dette immagini risulti violare i diritti di terze parti, ci rendiamo disponibili alla loro immediata rimozione dal sito.