autore

Taglietti Stefano


Note biografiche

Inizialmente allievo di Sylvano Bussotti, dopo varie esperienze è stato importante, per la sua formazione, l’incontro con Hans Werner Henze. Nella sua musica si rinnova continuamente l’esigenza di filtrare materiali e strategie compositive, all’interno di un linguaggio unitario, complesso e comunicativo.
È attivo come pianista, in solo e in gruppi di improvvisazione, ha collaborato con Evan Parker, Dom Um Romao, Karl Potter, Walter Prati, Giancarlo Schiaffini, Fabrizio de Rossi Re. Lavora dal 1994 con l’artista visivo Bizhan Bassiri.
Ha composto oltre 150 lavori lavori per organici orchestrali, corali, cameristici, per il teatro, l’immagine, anche attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie. Gran parte dei sui lavori sono editi da Rai Com ma anche da Chester Music London e altri. Tra i suoi lavori: La Divina Devastazione, concerto scenico per soli, coro e orchestra da camera (1993-94), La Battaglia dei Centauri, per coro e orcherstra (1999), Libera Vox, per ensemble vocale (2003), Slashing, per archi (2004), Exta, per clavicembalo e quartetto d’archi (2005), Mimesis, per orchestra (2005), Sonata per sola Chitarra (2005), Concerto per Ensemble (2006), After Pop Suite, per ensemble (2003-06).

Ha ricevuto commissioni da: Hans Werner Henze, Bicinum per 2 pf ; La 51esima Biennale di Venezia ( Hanimat, per Ensemble - Made in Italy)- Biennale di Venezia 2012; Biennale di Venezia sez.Architettura ( Presenza Paesaggio, Essere- tre quadri per ensemble dir. l'autore); Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ( Living Fades, per cl. pf. E Archi dir. F.E.Scogna, A. Carbonare cl-F.Buccarella pf, ens. Acc. Naz S.Cecilia); Accademia di Francia- Villa medici, ( Amor se Giusto sei per 7 voci-Daedalus Ensemble), Biennale di Venezia-Architettura, ( Paesaggio-Presenza-Essere, per ensemble, piccolo arsenale B.I.O. dir. S.Taglietti); Rai Nuova Musica, ( Slashing, per archi); Gerd Albrecht per il Deutsche Pavillon expò Hanover 2000, ( Opus Neuma per ensemble), Orch. Reg. di Roma e del Lazio, ( Mimesis per orc.); ContempoartEnsemble diretto da Vittorio Ceccanti ( Concerto per Ensemble). 

I Solisti Aquilani Concerto Triplo per chitarra elettrica, pianoforte, percussioni, violino concertante e orchestra d'archi, diretto da Marco Angius 2017.
La sua Musica è stata inoltre eseguita presso : Berlin Philharmonie; Opera di Norimberga; Festival dei Due Mondi di Spoleto; Podewil- Berlin, Città Universitaria di Parigi, Salle Vitali, Teatro La MaMa di New York, Freshno Opera Festival California-U.S.A., Cincinnati University, Festival Strawinky Festival dei Due Mondi di Spoleto, Ravenna Festival, Società dei Concerti B. Barattelli, Solisti Aquilani, Università del Nevada - Las Vegas e in altri importanti festival internazionali di Musica Contemporanea a Praga, Kiev, Lviv, e stagioni teatrali presso il Teatro Comunale di Bologna, Ravello Festival, Angelica - Bologna e presso numerose altre istituzioni in Europa, Medio Oriente e U.S.A e sud America.
Rai Radio Tre,Exta, per clav.e quar.The Athenaeum Quartet ( prime parti dei Berliner Philharmoniker e Gian Maria Bonino.
Insegna in vari conservatori italiani dal 1996, vincitore di concorso nel 2000, è titolare della cattedra di Elementi di Composizione per la Didattica della Musica e nelle discipline dell’area compositiva presso il Conservatorio Statale di Musica A.F.A.M. ( U. Giordano) di Foggia, sez staccata di Rodi Garganico.


Altre note

«Profilo
La mia opera, come prospettiva musicale, vuole conquistare un linguaggio che non esclude nulla a priori. La dimensione sonora dunque, è quella di un recupero e una elaborazione della realtà culturale musicale contemporanea; recupero inteso come apertura nei confronti dei linguaggi sonori correnti, filtrati nella loro eterogenia poetica e nella loro fusione con la tradizione musicale colta. La prospettiva del mio lavoro, è quella di cogliere sistematicamente la continuità fra passato e una personale percezione sulla realtà del mondo contemporaneo.
Uno dei tratti distintivi del mio lavoro compositivo, anche rispetto alle poetiche delle avanguardie storiche, e a quelle delle generazioni che mi precedono, è quello di utilizzare e reinventare materiali ed elementi musicali, anche di lontanissime derivazioni, in un linguaggio compatto e unitario, tenendo sempre conto di un legame del suono teso verso una drammaturgia contemporanea.»
Stefano Taglietti 2013

 


Diventa sponsor

Opere

After Pop Suite Voce & Ens+ 2A - 2002/03

All the Shadows Fl S Cl.bs Ch.el Vc Pf Perc - 2003

Assedio di Ragalbukka Rec & Ens+ A NM - 2004

Brancalione Voci Fl Sx Ch Ch.el Pf Perc - 2016

Canto doppio Fl S - 2015

Cinque studi S - 1990/91

Gibellina Fl Cl A/T Perc Pf - 2014

Il vecchio è scappato Rec & Ens+ Sx - 2007

Monogram Cl/Sx Va Pf - 1995

Musica Centrica II A Mar Vib - 2018

Sei studi S - 2013

Trio music n. 1 A Pf Tast.el - 1991

Waveform S Pf - 2013


 
Diventa sponsor
 

Riparatore di zona

Nella tua zona non abbiamo trovato un ripratatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 18.208.202.194 - dal tuo indirizzo internet - Utilizza posizione esatta

Saxit - Associazione Culturale

Via G. Marconi 51/c - 73020 Cavallino
Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy