autore

Donatoni Franco

  1. Nato il 9.6.1927 a Verona
  2. Morto il 17.8.2000 a Milano

Note biografiche

Per l'importanza che Franco Donatoni riveste nell'ambito compositivo nazionale (e mondiale) si rimanda alla consultazione di letteratura specifica sulla sua figura

Sito ufficiale di Renzo Cresti
http://www.renzocresti.com/dettagli.php?quale=3&quale_dettaglio=85

Wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Donatoni

Enciclopedia Treccani
http://www.treccani.it/enciclopedia/franco-donatoni_%28Dizionario-Biografico%29/

EDT 
https://books.google.it/books?id=GEwgkdzTotoC&lpg=PR1&hl=it&pg=PA196#v=onepage&q&f=false

pur fornendo qui sintetiche informazioni...

Iniziati gli studi presso il Liceo Musicale della sua città, sotto la guida di P.Bottagisio, ha studiato Composizione al Conservatorio di Musica di Milano con E.Desderi e al Conservatorio di Musica di Bologna con L.Liviabella diplomandosi in Composizione e Strumentazione per Banda nel 1949, Musica corale nel 1950 e Composizione nel 1951. Si è perfezionato successivamente in Composizione ai corsi dell'Accademia Nazionale di S. Cecilia (fino al 1953) tenuti da I.Pizzetti e a Darmstadt (fra il 1954 e il 1961).
I suoi lavori, premiati in numerosi è prestigiosi Concorsi Nazionali e Concorsi Internazionali di Composizione (fra cui Liegi 1951, Radio Lussemburgo 1952 e 1953, S.I.M.C. 1961, Koussevitzki 1968, ecc.), sono pubblicati dalle più prestigiose case editrici italiane (Zanibon, Suvini Zerboni, Ricordi) ed estere (Schott di Londra, Boosey & Hawkes di Londra, ecc.).
Caposcuola indiscusso in tutto il mondo, ha caratterizzato, dagli inizi della sua maturità, correnti di pensiero e di stile nell'ambito della scrittura musicale.
Dopo l'insegnamento nei Conservatorio di Musica di Bologna, Torino e Milano negli anni fra il 1953 e il 1978, ha svolto una intensa "attività didattica" tenendo seminari e corsi di perfezionamento nei più illustri santuari della Composizione Contemporanea di tutto il mondo (Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, Accademia Chigiana di Siena, a Darmstadt, a Tanglewood, presso l'Università di California a Berkeley, ecc. ecc.). Nel 1985 è stato insignito del titolo di "Commandeur dans L'Ordre des Arts et des Lettres" dal Ministro della Cultura francese. Nel 1990 il Festival "Settembre Musica" di Torino gli ha dedicato un'ampia serie di concerti e un libro monografico sulla sua opera pubblicato a cura di Enzo Restagno. Nel settembre 1991 è stato invitato dall' Elision Ensemble in Australia a tenere seminari presso l'Istituto Italiano di Cultura di Melbourne. Dal giugno all'ottobre 1992 "Milano Musica" ha realizzato, in suo omaggio, un'importante rassegna; nel corso di otto concerti si sono ascoltate alcune fra le sue composizioni più significative.


Altre note

-- «[...] scrivo per saxofono quando me lo richiedono [...] è uno strumento prettamente jazzistico a cui mi sono ispirato con l'ascolto dei grandi jazzisti come Mulligan e soprattutto Charlie Parker, ma per la scrittura il riferimento più prezioso è sicuramente stato la Big Band di D.Ellington».


Diventa sponsor

Opere

Atem Soli Coro & O.+ BS - 1985

Hot SI/T & O.c - 1989

Rasch Q - 1990

Rasch II Q Vib Mar Perc Pf - 1995

Sezioni O.+ 4Sx - 1960

Sweet Basil O.+ 2A T B


 
Diventa sponsor
 

Riparatore di zona

Nella tua zona non abbiamo trovato un ripratatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 75.101.220.230 - dal tuo indirizzo internet - Utilizza posizione esatta

Saxit - Associazione Culturale

Via G. Marconi 51/c - 73020 Cavallino
Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy