IL SAXOFONO ITALIANO

è

in 

cerca

di

eredi

 

di Veretti, Antonio

I sette peccati

Coro & O.+ A - 1955/56 - 24' - CASA RICORDI

Commento all'opera

«Successivamente alla “Sinfonia Sacra” del 1946, approda, tramite successivi accostamenti, alla adozione integrale del sistema dodecafonico, pur contemperato con istanze tradizionali, soprattutto negli schemi costruttivi.
Appartengono a questo period il “Concerto per pianoforte e orchestra”, “Le quattro poesie” di Vigolo, l'Ouverture per orchestra “Della campana” e la “Sonata” per violino e pianoforte, l'”Allegria” su testi di Ungaretti, ma il lavoro più importante di questo periodo è “I sette peccati”, mistero musicale coreografico, rappresentati per la prima volta al Teatro alla Scala (1956)».
«Mistero coreografico, è l'opera decisiva di Veretti per il passaggio alla scrittura secondo il metodo dodecafonico pur non abbandonando il tipico stile personale di una scrittura lineare ed elegante.
Ognuno dei sette peccati, espiato coralmente tramite un canto penitenziale, dà origine ad una pagina sinfonica: Passacaglia (Superbia); Scherzo (Avarizia); Invenzione canonica (Accidia); Ostinato (Ira); Aria (Invidia); Gagliarda (Gola); Largo per archi (Lussuria).»


Riparatori della zona:

Nella tua zona non abbiamo trovato un riparatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: Non siamo riusciti a stabilire la tua posizione dal tuo indirizzo

Per informazioni e contatti

Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy

 
Nella presente Enciclopedia, realizzata non a scopo di lucro, l'impianto iconografico é stato arricchito con alcune immagini per le quali l'autore non è riuscito a risalire agli eventuali aventi diritto. Pertanto, ove la pubblicazione a scopo culturale di dette immagini risulti violare i diritti di terze parti, ci rendiamo disponibili alla loro immediata rimozione dal sito.