di Berio Luciano

Formazioni

O.+ A T - 1985/87 - 20' - Universal Edition - 31516

Dettagli opera

Per orchestra (4.3.5.3 – 6.4.4.2 - perc(3), hp(2), cel, alto sax, t.sax, str:12.12.12.10.8).
La Commissione di questo lavoro ha fornito a Luciano Berio la possibilità di prendere in considerazione ancora una volta un nuovo tipo di distribuzione dell'apparato orchestrale. Ha deciso di dividere gli strumenti in gruppi:
gruppo A1: 1 ° flauto, flauto 2, oboe, corno inglese, sax tenore in Sib, fagotto;
gruppo A2: 1 ° flauto, flauto 2, oboe, sassofono contralto in Eb, fagotto;
gruppo B1: 1 corno in fa, tromba 2 ° F; corno 3 ° F, il 1 ° tromba in Do, tromba 2 ° C, 1 trombone, trombone 2, basso tuba, B2 gruppo: 1 ° corno in fa, tromba 2 ° F; corno 3 ° F, il 1 ° tromba in C, 2 ° tromba in do, 1 trombone, trombone 2, basso tuba;
gruppo C: clarinetto in mi bemolle, 1 clarinetto in Sib, clarinetto in Sib 2 °, 3 ° clarinetto in Sib, clarinetto basso in Sib, controfagotto;
gruppo D: violino I (12) , violino II (12), viola (12), violoncello (10), contrabbasso (8);
gruppo E: 1 ° percussioni, percussioni 2, 3 percussioni, 1 arpa, 2 ° arpa, celesta), è stata scritta per la Concertgebouw Orchestra e dedicata a Alfred Schlee.
Prima assoluta il 15.1.1987 ad Amsterdam da parte della Concertgebouw Orkest diretta da Riccardo Chailly.


Commento all'opera

«La Commissione ha fornito Luciano Berio l'opportunità di prendere in considerazione ancora una volta un nuovo tipo di distribuzione dell'apparato orchestrale. Ha deciso di dividere gli strumenti nei seguenti gruppi:
Gruppo A1: 1 ° flauto, flauto 2, oboe, corno inglese, sax tenore in Sib, fagotto;
Gruppo A2: 1 ° flauto, flauto 2, oboe, sassofono contralto in Eb, fagotto;
Gruppo B1: 1 ° corno in fa, tromba 2 ° F; corno 3 ° F, il 1 ° tromba in Do, tromba 2 ° C, 1 trombone, trombone 2, basso tuba;
Gruppo B2: 1 ° corno in fa, tromba 2 ° F; corno 3 ° F, il 1 ° tromba in Do, tromba 2 ° C, 1 trombone, trombone 2, basso tuba;
gruppo C: clarinetto in mi bemolle, 1 clarinetto in Sib, clarinetto in Sib 2 °, 3 ° clarinetto in Sib, clarinetto basso in Sib; controfagotto;
Gruppo D: I violino (12); violino II (12), viola (12); violoncello (10); contrabbasso (8);
gruppo E: 1 ° percussioni, percussioni 2, 3 percussioni, 1 arpa, 2 ° arpa, celesta
Ma - si chiedeva Berio - fare una viola ed un contrabbasso, a determinate condizioni, hanno meno in comune di una viola e un flauto? Esiste veramente un minore parentela acustica tra un corno e una tromba che tra una tromba si fermò e un oboe o corno inglese?
Questo è (tra le altre cose) che cosa Formazioni è di circa: i rapporti all'interno delle famiglie tradizionali degli strumenti e dei ruoli, sono comunicati a giocare sono definiti e assegnati in modo nuovo. Da qui la disposizione insolita dell'orchestra. A sinistra davanti ea destra nella parte posteriore si trovano due gruppi di strumenti a fiato, con due gruppi di ottone poste a destra ea sinistra in mezzo. Un importante gruppo di cinque clarinetti e contrabassoons
è messo in mezzo alla fronte, circondato da violini e viole. Berio ha fatto riferimento a strumenti ad arco come "il cemento spesso nascoste", in Formazioni, i violini rinunciare alla loro importanza per il doppio-bassi (a destra di fronte). Nel complesso, gli strumenti più bassi tendono a stare più vicini al fronte, mentre quelle più alte prendono posto più nella parte posteriore.
Come risultato di questa orchestrale "geografia", emerge un'importante prospettiva acustica nuova. Già nel Coro (1974-1976) dove si trova ciascuno dei 40 cantanti accanto ad uno strumento specifico, Berio ci ha insegnato qualcosa di nuovo sul significato delle diverse relazioni strumentali nello spazio. In Voci (1984-1985), anche nuovi equilibri musicali e acustici sono sviluppate tra i viola solista e due gruppi di strumenti.
Disposizione spaziale è anche una preoccupazione primaria Formazioni con la sua incessante interazione tra i massicci blocchi sonori e musica da camera-come i passaggi. Lo stesso autore parla di "composizione per orchestra che si compone di diversi 'camera di musiche' accentuato fino all'estremo". Che è ciò che rende una prestazione di Formazioni tale sfida sia per i giocatori singoli come pure per l'orchestra come collettivo.
Perché Formazioni? Questi 'formazioni di forme' potrebbe essere descritto come una interazione strategica di "militari" formazioni ma ugualmente anche come una sovrapposizione 'geologico' di strati musicali, ognuna delle quali omogenea. "»


Registrazioni

[CD •  L.Berio / Orchestral works - Vienna Radio Symphonie Orchestra, Stefan Asbury - Col legno - 2008], [CD •  L.Berio / Formazioni
Folk songs
Sinfonia - Royal Concertgebouw Orchestra, R.Chailly


Diventa sponsor
 
Diventa sponsor
 

Riparatore di zona

Nella tua zona non abbiamo trovato un ripratatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 18.232.146.10 - dal tuo indirizzo internet - Utilizza posizione esatta

Saxit - Associazione Culturale

Via G. Marconi 51/c - 73020 Cavallino
Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy