di D'Amico, Matteo

Farinelli, la voce perduta

Voci Coro & O.+ Sx - 1996 - 75' - CASA RICORDI - P 137603

Dettagli opera

Opera in un atto su libretto di Sandro Cappelletto per voci (Personaggi: Carlo Broschi, Detto Farinelli, Sopranista - Carlotta, Ms. - Filippo V, Br. - Elisabetta Farnese, S. Leggero - 1° Dottore, T. - 2° Dottore, Br. - 3° Dottore, B. - Br. - Un Bambino, Voce Bianca - Farinelli Vecchio, Voce Recitante), Coro di uomini e donne, Orchestra (1 (anche Ott.).2 (II anche Cor. i.).2 (II anche Cl.b.).1.Sxf. / 2.1 / Pere. (= 1 esec.) / Archi (6.6.4.4.2.)).
Prima rappresentazione: Narni, Festival Operaincanto, 25.10.1996 - Orchestra In canto, complesso vocale In Canto, direttore Fabio Maestri, regia di Marina Spreafico. Interpreti principali: Roberto Abbondanza, Susanna Rigacci, Bernadette Lucarini, Paolo Bonacelli.


Commento all'opera

«Il privilegio estremo concessso a un cantante: fare della propria voce la cura - l'unica - capace di salvare un "Terror del mondo". Carlo Broschi Farinelli e Filippo V di Spagna, il re pazzo. Il giovane castrato arriva nella cupa reggia una sera d'agosto, per un solo concerto. Resterà 22 anni, ogni notte, sempre di notte, esalando arie, padrone e servo delle peripezie della mente del suo sovrano e schiavo. Un'esperienza assoluta, feroce.
Ora che è vecchio, passato di moda, dileggiato, vive rinchiuso nella sua villa bolognese tra clavicembali appartenuti a re, violini di Stradivari, tele di Velasquez e gioielli, troppi gioielli. Lo accudisce, oppiacea, una nipote speranzosa della morte precoce dello zio ricchissimo, dell'evirato cantore che aveva sacrificato la vita e il corpo alla propria arte. A lui non resta che ricordare. La memoria, breve conforto per chi era stato paragonato a Dio, e che ora, in una sorta di contrappasso crudele, va fuor di senno come il suo regale paziente.
La follia di Spagna, evocata nel flash-back che costituisce il nocciolo dell'azione, è compresa in un atto unico e incorniciata da un prologo e un epilogo bolognesi.
Suggestioni: il potere tenuto e perso, insieme alla sua dignità; un universo teatrale e artistico che, giunto al culmine, rapidamente si erode e crolla; l'irrealtà sublime e la verità di una voce perduta (per lui e per noi) per sempre.
Una voce , una vocalità che si fa stile, sogno, teatro delle meraviglie , delle passioni e dei tormenti: come evocare tutto ciò, come riappropiarsene, se non con la complicità del mezzo elettronico, duttile ormai al punto di piegarsi alle più varie e complesse esigenze espressive, sotto la veste di qualsivoglia linguaggio? Una voce dello spirito, della fantasia, che nasce nell'uomo e si trasforma nella macchina per tornare ad essere mito, sogno irragiungibile di potenza, non solo fantastica, ma anche terrena, sociale e politica. Intorno alla voce e alle sue possibili manipolazioni, costruire dunque un dramma della follia, del potere e della solitudine, agito da personaggi storici, sì, ma insieme figure a noi molto vicine nella loro tormentata solitudine esistenziale.» Dal Sito.


Diventa sponsor
 
Diventa sponsor
 

Riparatori di zona

Nella tua zona non abbiamo trovato un riparatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 35.170.82.159 - dal tuo indirizzo internet - Utilizza posizione esatta

Per informazioni e contatti

Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy

 
Nella presente Enciclopedia, realizzata non a scopo di lucro, l'impianto iconografico é stato arricchito con alcune immagini per le quali l'autore non è riuscito a risalire agli eventuali aventi diritto. Pertanto, ove la pubblicazione a scopo culturale di dette immagini risulti violare i diritti di terze parti, ci rendiamo disponibili alla loro immediata rimozione dal sito.