autore

Gandolfo Antonino Brancaleone

  1. Nato il 24/04/1820 a Catania
  2. Morto il 06/06/1888 a Catania

Note biografiche

Iniziò i suoi studi a Palermo con Pietro Raimondi per recasi poi a Napoli da Saverio Mercadante. Tornato a Catania, dopo tale periodo formativo, compose musica sacra e da camera. Compose gli oratori La disfatta dregli Assiri (1850) e Gerusalemme liberata (1852), eseguiti durante le feste di mezz'agosto di sant'Agata. Nel 1951 venne rappresentata al Teatro Comunale di Catania l'opera Il Sultano (o Maometto II), che fu poi riproposta al Teatro San Carlo di Napoli nel 1854. Nel 1859 fu rappresentata, sempre al Comunale di Catania, l'opera Caterina di Guisa.
Ancora nel 1859, fu nominato direttore del Comunale di Catania, ma presto dovette lasciare la Sicilia per sfuggire alla polizia borbonica a causa della sua attività di patriota, rifugiandosi a Malta. Qui rimase fino all'arrivo di Garibaldi in Sicilia, nel 1860, quando ritornò alla sua città natale. Si dedicò così nuovamente alla composizione e all'insegnamento. Tra le opere di questo periodo vanno ricordate la Marcia funebre eseguita in occasione del rientro in patria della salma di Vincenzo Bellini (1876) e la sinfonia inaugurazione, scritta in occasione dell'esposizione del monumento dedicato allo scienziato patriota Vincenzo Tedeschi. L'opera Angelo Malipieri è rimasta inedita.
Fu autore notevolmente apprezzato tra i suoi contemporanei.
Oltre alle opere teatrali scrisse diversi pezzi di musica strumentale.


Diventa sponsor

Opere

Piece Q


 
Il primo concorso del Saxofono Classico
Diventa sponsor
 

Riparatori di zona

Nella tua zona non abbiamo trovato un riparatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 3.87.250.158 - dal tuo indirizzo internet - Utilizza posizione esatta

Per informazioni e contatti

Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy

 
Nella presente Enciclopedia, realizzata non a scopo di lucro, l'impianto iconografico é stato arricchito con alcune immagini per le quali l'autore non è riuscito a risalire agli eventuali aventi diritto. Pertanto, ove la pubblicazione a scopo culturale di dette immagini risulti violare i diritti di terze parti, ci rendiamo disponibili alla loro immediata rimozione dal sito.