didattainterprete

Domizi Alberto


Note biografiche

Inizia a studiare Sassofono nella Banda cittadina ed ha successivamente compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio di Musica "G. Rossini" di Pesaro diplomandosi in saxofono nel 1979 col massimo dei voti sotto la guida di Romano Mauriello. Contemporaneamente studia Armonia e Contrappunto con Fausto Razzi, Alessandro Sbordoni, Aurelio Samorì, Mario Perrucci. Prosegue successivamente gli studi in Francia con Jean-Marie Londeix, nel 1980 all'"Académie International d'Eté" di Nizza (Francia), dal 1980 al 1982 al "Conservatoire Supérieur de Musique de Bordeaux” diplomandosi in Saxofono e Musica da Camera.

Iniziata l'attività concertistica nell'ambito del Conservatorio negli anni ‘78-’79 con il "quartetto di sassofoni Giocchino Rossini" (Enzo Veddovi, M. Costantini, Federico Mondelci, Alberto Domizi) con il quale effettua una lunga serie di concerti vincendo Concorsi Nazionali e Internazionali, l’ha continuata con la grande esperienza dell'"Ensemble International de Saxophones de Bordeaux" durante gli anni di perfezionamento in Francia (1981-1982) prendendo parte, nel ruolo di Sax baritono, a numerose prime esecuzioni assolute di quelle opere dedicate all'ensemble diretto da J. M. Londeix, e con il “Quatuor de Saxophones Françis Valonne”.

Ristabilito in Italia ha iniziato un’1intensa attività in Duo con Pianoforte. Inoltre, nell'ambito concertistico, ha il merito di essere uno dei primi ad essersi interessato e ad aver proposto stabilmente organici fuori del tradizionale e così ad invogliare vari compositori a scrivere per il "Quartetto d'Ance Italiano" costituito (nel 1984) da Oboe, Clarinetto, Saxofono, Fagotto e a far conoscere la specifica letteratura (P. M. Dubois, A. Lemeland, J. Francaix, ecc.). Dal 1990 ha costituito e diretto l'"Aternum Saxophone Ensemble" poi "SAX CHORUS" e più di recente è direttore dell'Orchestra di Sassofoni del Conservatorio di Musica G. Rossini di Pesaro.

Oltre a riconoscimenti in vari concorsi è stato: 1° premio assoluto al Concorso Internazionale “Città di Stresa” nella sezione Fiati Quartetti, 1979; 3° premio al Concorso Internazionale “Città di Stresa” nella sezione Sassofono, 1979; 2° premio al Concorso Internazionale “Città di Stresa” nella sezione Fiati e Pianoforte, 1984; 1° premio assoluto al Concorso Internazionale di Musica “Isola di Capri” nella sezione Fiati e Pianoforte, 1987; 2° Premio al Concorso Internazionale “Città di Stresa” nella sezione "Gli strumenti nell'avanguardia musicale” con il “Quartetto d'Ance Italiano”, 1987.

Ha tenuto centinaia di concerti in Italia e all'estero (Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Norvegia, Slovenia, Spagna, Cina), che lo hanno portato ad effettuato registrazioni televisive e radiofoniche per emittenti nazionali italiane, francesi e jugoslave nell'ambito dell'attività che lo ha portato più volte a collaborare con l'"Orchestra de Bordeaux Aquitaine" (sax alto nella Turandot di Puccini), l'"Orchestra Sinfonica della RAI di Torino" (Spiegel di F. Cerha) e con l'"Orchestra Filarmonica Marchigiana" (nei Quadri di una esposizione di Ravel, Turandot di Puccini e solista in "Por las Americas " di E. Hubert, eseguito in prima assoluta al X° World Saxophone Congress di Pesaro nel 1992). Ha registrato per le case discografiche Fonit CetraAnthology Records e ph Music Worx RARA.

È stato socio fondatore dell’A.S.I. (Associazione Sassofonisti Italiani), membro del Consiglio Direttivo fino al '94 e Redattore Capo della rivista "Il sassofono" (organo di stampa dell’A.S.I.) dal n°0 (Gen/Mar 1988) al n°4 (Lug 1993).

Curatore dell'edizione italiana in due volumi del metodo per sassofono “Il sassofono nella nuova didattica” (Ed. Bérben, 1983) dall’edizione originale di J.-M. Londeix “Le Saxophone en jouant” (Ed. Lemoine), la sua biografia è presente nelle pubblicazioni: “The Saxophone in America and Europe” dell'Associazione Internazionale SaxAmE; “Saxophone soloists and their music” pubblicata dalla Indiana University Press.

Nel 1998 è stato invitato (unico italiano), a far parte della prestigiosa Giuria del 2th International Competition Adolphe Sax a Dinant (Belgio), paese natale del celebre inventore, la competizione per sassofono più importante al mondo. È anche ideatore e Direttore artistico di importanti manifestazioni musicali, tra cui "Contemporara 2002" - I Forum di musica Contemporanea - e il "1o Concorso Nazionale di Sassofono Città di Camerino" svoltosi nel 2006. Viene invitato spesso quale docente in seminari e masterclasses dedicati al perfezionamento della tecnica strumentale e della didattica del sassofono (Real Conservatoire Superior de Música de Madrid, Conservatoire National di Parigi Boulogne-Billancourt, ecc).

Curatore della edizione italiana "Il saxofono nella nuova didattica" (Ed. Berben), dal francese "Le saxophone en jouant" (Ed.Lemoine) di J. M. Londeix, la sua attività didattica è iniziata nell’anno scolastico 1975/76 quale insegnante di musica presso il Comune di Serravalle di Chienti (MC) nel Corso di Orientamento Musicale di tipo Bandistico; nell’anno scolastico 1975/76 quale insegnante di musica presso il Comune di Serravalle di Chienti (MC) nel Corso di Orientamento Musicale di tipo Bandistico; dal '79 nelle scuole medie; dal 1985/94 dapprima supplente annuale per l’insegnamento di Sassofono presso il Conservatorio di Musica “L. D’Annunzio” di Pescara, nell’anno scolastico 1989/’90 passa in ruolo ai sensi della legge 27 dicembre 1989 n. 417; dal 1994 ad oggi insegna presso il Conservatorio di Musica “G. Rossini” di Pesaro.

 


Gruppi di appartenenza

Quartetto di Sassofoni G. Rossini

Registrazioni

[CD • ­­­­Tribute to Adolphe Sax • Rossini Saxophone Orchestra (Dir. A. Domizi e F Mondelci) • RaRa • 1996];

[LP • F. Cerha. Spiegel • Orchestra Sinfonica della RAI di Torino (Dir. F. Cerha - M.Mazzoni/T, A.Domizi/B) • Fonit Cetra LMA 3002 (2 lp)];

[LP • Disco Venezia '79 - Musica Contemporanea • La Biennale Musica • 1979].


Diventa sponsor

Opere dedicategli

Opere dedicategli da autori stranieri

Altre opere gli sono state dedicate da
Hubert Eduardo - Por las Americas (A & O • 1992 • 17’) – Eseguita per la prima volta il 04.09.1992, a Pesaro, in occasione del 10th World Saxophone Congress, da Domizi e l’Orchestra Filarmonica Marchigiana diretti da Fabio Maestri
Nicolau Dimitri - Cadenza (dalla Rapsodie en Grec Op. 127) (A • 1995 • 4’) - World premiere il 28.03.1997, a Parigi (F), Ville de Boulogne-Billancourt, per il “Conservatoire National de Region”, da parte di Alberto Domizi.

 
Diventa sponsor
 

Riparatore di zona

Nella tua zona non abbiamo trovato un ripratatore. Per segnalare un riparatore premi qui

Rilevamento: 3.238.190.82 - dal tuo indirizzo internet - Utilizza posizione esatta

Saxit - Associazione Culturale

Via G. Marconi 51/c - 73020 Cavallino
Cell: +39 328 32 97 563
Email: info@ilsaxofonoitaliano.it

Informativa Privacy - Cookie Policy